contattigalleryla storiaportfoliohome
Cristo alla colonnaChrist at the Column
Antonello da MessinaAntonello da Messina
Museo del LouvreLouvre MuseumMusée du Louvre, ParigiParisParis, FranciaFranceFrance
Olio su tavolaOil on panel, 30 x 21 cm., anno 1476


Cristo alla colonna è uno dei quadri più espressivi dell’autore. La maestria con cui egli riesce a rappresentare dubbio, dolore, disperazione e richiesta di pietà, in un solo istante sul volto del Cristo è degno di lode. Il momento che stiamo osservando equivale all’attimo in cui il Cristo chiede pietà al Padre. Antonello da Messina riesce a narrare questo episodio tramite dei dettagli peculiari che rendono quest’opera unica: il Cristo non guarda noi spettatori ma il cielo, in un’espressione che lo rende più vicino all’uomo che al divino; la sua bocca semi aperta è dipinta con tale sapienza che sembra quasi di sentirne uscire la voce; i capelli bagnati dal sudore raccontano la disperazione di quel momento; la corona di spine che stringe la testa del Cristo riesce perfettamente a trasmettere quella sensazione di dolore. L’intera opera sembra essere un dettaglio ed è indubbiamente uno dei quadri più espressivi dell’autore.

Christ at the Column is one of the author's most expressive paintings. The mastery with which he manages to represent doubt, pain, despair and the demand for mercy in a single instant on Christ's face is worthy of praise. The moment we are observing is equivalent to the instant in which Christ asks the Father for mercy. Antonello da Messina manages to narrate this episode through some peculiar details that make this work unique: Christ doesn't look at us spectators but at the sky, in an expression that makes him closer to man than to the divine; his half-open mouth is painted with such knowledge that it almost seems to hear his voice coming out; his hair wet with sweat tells the despair of that moment; the crown of thorns that clutches Christ's head is perfectly able to transmit that sensation of pain. The whole work seems to be a detail and is undoubtedly one of the author's most expressive paintings.